La stagione del mio cuore

Quando penso alla primavera la prima cosa che mi viene in mente è la voce di mia mamma che canta : “Lo sai che i papaveri son alti alti alti e tu sei piccolina, tu sei paperina, che cosa ci vuoi far ? “
E d’incanto attorno a me una distesa di papaveri.
Ma la primavera evoca in me anche tanti altri ricordi, fatti di immagini e profumi.
Da piccola abitavo in una via affiancata da alberi di ciliegio, che puntualmente a marzo mi regalavano il colore più bello: il rosa .
Ricordo che mi affacciavo dalla finestra della mia camera da letto ,dove dal quarto piano osservavo la villetta accanto a noi.
Lo stile liberty e il giardino antico, erano un tripudio alla primavera.
Tutte quelle aiuole fiorite ,gli alberi e le rose rampicanti su una vecchia uccelliera in ferro battuto, incorniciavano una casa senza tempo .
Quando passavo di lì, arrivava il profumo dei fiori ed è come se mi riportasse ad un sogno chissà ,forse di una vita precedente, perché un giardino così io sentivo di averlo vissuto e questa sensazione mi accompagna da sempre ,ogni qual volta respiro il soffio della primavera in angoli della città .
Non a caso sono nata a maggio, che si dice sia il mese delle rose e dei fiori pesco .
Oggi che finalmente ho un giardino tutto mio ,posso viverla ogni giorno e in ogni stagione dell’anno ,perché non è mica vero che la primavera appartiene solo a tre mesi dell’anno!
Ogni stagione ha profumi e colori diversi ed è continuo spettacolo per gli occhi e l’olfatto .
Proprio oggi sono rimasta incantata da un parco di tulipani a Roma ; aperto solo per tre settimane il TuliPark ha uno stile olandese ,è un giardino fiorito con un’esposizione di oltre 3000 esemplari .
All’interno del parco si possono raccogliere i tulipani del colore preferito ,ammirare e fotografare . Vi lascio immaginare quanti scatti abbia potuto fare dinnanzi a tale meraviglia!
Un piccolo mulino a vento riproduce uno scenario tipicamente olandese .
All’ingresso si trovano delle persone molto gentili che forniscono informazioni sui fiori , sul modo in cui dovrai raccoglierli e mantenerli .
Avrai a disposizione un cestino ed anche un secchio per innaffiare ,qualora volessi fare una fotografia ancora più realistica .
Una mostra che ti regala emozioni da cogliere ,ma la verità :

“E’ che dietro le cose ci sei tu, Primavera, che incominci a scrivere nell’umidità, con dita di bambina giocherellona, il delirante alfabeto del tempo che ritorna. (Pablo Neruda)

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi